giovedì 7 settembre 2017

COME PULIRE E DISINFETTARE UN TAGLIERE IN PLASTICA O LEGNO

Disinfettare il tagliere quali prodotti usare

Tra gli oggetti e utensili più usati in cucina c'è sicuramente il tagliere. Accessorio utilissimo per molti usi e funzioni. Lo usiamo per affettare il pane, le verdure, il formaggio, per sfilettare il pesce, ecc... Proprio per questo suo uso promiscuo, il tagliere è anche sottoposto ad uno "stress" batterico notevole. Infatti sulla sua superficie, soprattutto usando lo stesso tagliere per diversi tipi di cibi, si formano numerosissime colonie batteriche. Proprio per questo tale strumento da cucina va lavato e disinfettato con cura.

Sia che sia un tagliere di plastica che di legno la disifestazione dai batteri è assolutamente necessaria. Inoltre sulla superficie del tagliere spesso si fornamo delle fenditure dovute al continuo passaggio dei coltelli. Queste fessure sulla superficie del tagliere tendono a sovracaricarsi di pericolosi batteri: anche il semplice risciacquo e lavaggio sotto al rubinetto non basta. La lavastoviglie sicuramente abbatte un maggior numero di batteri ma non tutti possiedono questo elettrodomestico.
Quindi l'unica alternativa è la disinfezione.


Che prodotti usare per pulire il tagliere in profondità

  • Spugna cucina, sapone e acqua calda: strofinare con energia la superficie del tagliere. Non avremo eliminati tutti i batteri ma avremo sicuramente pulito molto bene l'utensile.
  • Aceto bianco puro: ottimo sistema anche questo ma più indicato per eliminare odori emanati dalla superficie del tagliere.
  • Un cucchiaio di candeggina diluita in un litro di acqua oppure Amuchina spray: ottimo sistema per disinfettare in profondità. Fare agire per 5 minuti e poi risciacquate molto bene.
  • Altro buon metodo per pulire il tagliere è con mezzo limone strofinato energicamente. Lasciate agire qualche minuto e risciacquate.
  • Acqua ossigenata al 3 o 6%: ottimo antisettico. Si cosparge la superficie del tagliere e si strrofina moderatamente con panno carta usa e getta da cucina. Si lava la superficie con acqua corrente e si asciuga con panno carta monouso.
Attenzione: Una volta finito di disinfettare e pulire il tagliere, si deve usare carta da cucina usa e getta per asciugare e mai pezze umide o panni in tessuto.

Solo per i taglieri in legno: Una volta puliti ed asciugati si può usare olio di cocco per uso alimentare per "sigillare" le fessure della superficie del legno per fare in modo che lo sporco scivoli via durante l'uso del tagliere. Le fessure dovute al frequeste passaggio dei coltelli rimarranno pulite e senza depositi di alimenti.

Disinfettanti per taglieri in legno e plastica

     

I commenti verranno pubblicati dopo un controllo da parte dei moderatori. Grazie.