lunedì 3 febbraio 2020

PERCHÈ NEW YORK È CHIAMATA THE BIG APPLE - LA GRANDE MELA?

Perchè New York è chiamata la Grande Mela o the Big Apple

New York City non è sempre stata chiamata la Grande Mela. (Del resto, non ha nemmeno sempre avuto il nome New York City) "The Big Apple"Ma sembra però uno strano soprannome per una metropoli che non è particolarmente conosciuta per i suoi frutteti. Da dove viene quindi questo soprannome?

Fate le vostre puntate!

Negli anni 1920, c'era un reporter del New York Morning Telegraph che si occupava di corse di cavalli, di nome John Fitz Gerald (a volte scritto FitzGerald). Mentre c'erano diversi brani famosi a New York City, alcuni dei migliori cavalli da corsa provenivano dalla zona di New Orleans. Fitz Gerald ha sentito da fonti sicure riferirsi alle gare di New York e al loro prestigio e dei premi in denaro, come la grande mela delle corse dei cavalli. Fitz Gerald ha trovato il termine apt e ha iniziato a usarlo regolarmente nei suoi articoli sulle corse dei cavalli.

Jazz It Up

Il termine Big Apple è decollato al di fuori dei circoli ippici, con i musicisti jazz - specialmente quelli di Harlem - che hanno chiamato la città con quel soprannome. Aveva lo stesso significato per i musicisti che aveva per gli amanti dell'ippica: c'erano molti piccoli locali e jazz club in tutta l'America che potevano essere le piccole mele, ma la fama e la fortuna che si potevano trovare a New York erano la grande Mela.

Negli anni 30, c'era un club ad Harlem chiamato "The Big Apple". In questa clip di YouTube del 1937, il ballo della Big Apple sembra estenuante ed estremamente divertente da fare:

Mentre il verme gira

Negli anni 50, il soprannome si era quasi estinto. Il crimine era al culmine e la gente era al verde. New York non era proprio una mela lucente e brillante che attirava le persone fuori città a venire a fare una visita.

Così il Convention and Visitors Bureau di New York, sotto la guida di Charles Gillett, iniziò una campagna pubblicitaria per rivitalizzare la reputazione della città come The Big Apple. Gillett era un fan del jazz e associava il nome a quella promessa di glamour. La campagna ha funzionato e la città ha abbracciato il soprannome da allora.